Le polizze vita “dormienti” sono polizze assicurative che, pur avendo maturato un diritto al pagamento del capitale assicurato, non sono state pagate dalle imprese di assicurazione e giacciono in attesa della prescrizione. Può trattarsi di:

  • polizze per il caso di morte dell’assicurato, della cui esistenza i beneficiari non erano a conoscenza;
  • polizze di risparmio che, giunte alla scadenza, non sono state riscosse per diversi motivi.

Se la compagnia assicurativa non è a conoscenza delle informazioni utili a rintracciare gli eredi in caso di decesso dell’assicurato (indirizzo, recapito telefonico e/o indirizzo e-mail), non è grado di mettersi in contatto con i beneficiari.

Quanto tempo si ha per richiedere la prestazione?

I diritti derivanti dalle polizze vita si prescrivono in 10 anni* dalla data dell’evento: il decesso dell’assicurato o la scadenza del contratto.

Oltre tale termine le imprese devono devolvere le somme al Fondo Rapporti Dormienti istituito presso la CONSAP, che si occupa a sua volta di gestire i rimborsi per chi – oltre i termini della prescrizione – è ancora in tempo per rivendicare le proprie somme.

*Il termine di 10 anni si applica agli eventi accaduti dal 20 ottobre 2010.

Come è possibile verificare se un familiare deceduto aveva stipulato una polizza vita?

  1. consulta il “Servizio ricerca coperture assicurative vita” dell’ANIA che fornisce ai richiedenti (ad esempio i coniugi delle persone decedute) informazioni sull’esistenza o meno, presso le imprese italiane, di coperture assicurative vita relative alla persona deceduta, ipotizzata assicurata.
  2. rivolgiti direttamente a CNP Partners, chiedendo informazioni sulla esistenza della polizza al numero verde 800 137 018, oppure per iscritto utilizzando il modulo qui allegato.

 

Hai bisogno di aiuto?