POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE PER L’INDIVIDUAZIONE, LA PREVENZIONE, IL CONTENIMENTO E LA GESTIONE DEI CONFLITTI D’INTERESSE NELLA REALIZZAZIONE DEI PRODOTTI D’INVESTIMENTO E NELL’ESECUZIONE DEI CONTRATTI

 

La Compagnia CNP Partners de Seguros y Reaseguros S.A. Rappresentanza Generale per l’Italia (di seguito CNP PARTNERS o Compagnia), è una Società di diritto spagnolo costituita in forma di Sociedad Anonima, equivalente a una Società per Azioni di diritto italiano, appartenente al Gruppo Assicurativo CNP Assurances.

Il presente documento si pone l’obiettivo di illustrare l’approccio che la Compagnia CNP Partners de Seguro y Reaseguros S.A. ha adottato, con riferimento ai conflitti di interesse nella realizzazione dell’offerta e gestione ed esecuzione dei contratti di assicurazione proposti sul mercato italiano, a seguito del recepimento, nell’ordinamento giuridico italiano, della Direttiva UE 2016/97 sulla distribuzione assicurativa (di seguito “IDD”).

In particolare, la normativa contenuta nella sopraccitata Direttiva prevede che nella distribuzione di prodotti di investimento assicurativi (IBIP) l’Impresa mantenga e applichi disposizioni organizzative e amministrative efficaci al fine di adottare tutte le misure ragionevoli volte ad evitare che i conflitti di interesse incidano negativamente sugli interessi dei propri clienti. Dette disposizioni sono proporzionate alle attività svolte, ai prodotti assicurativi venduti e al tipo di distributore di cui l’impresa si avvale.

La Direttiva non definisce dettagliatamente quali siano le condizioni che determinano un conflitto di interessi, ma dispone che le Imprese di assicurazione adottino ogni misura appropriata per identificare i conflitti di interesse, che potrebbero insorgere tra Imprese, inclusi i dirigenti e i dipendenti, o qualsiasi persona direttamente o indirettamente coinvolta nella prestazione dei servizi assicurativi (anche sulla base di accordi di esternalizzazione), e i Clienti ovvero tra due Clienti o gruppi di Clienti al momento della prestazione di qualsiasi attività finalizzata alla gestione o distribuzione dei prodotti assicurativi.

In aggiunta, quando le disposizioni organizzative o amministrative adottate dall’Impresa di assicurazione per gestire i conflitti di interesse non siano sufficienti per assicurare, con ragionevole certezza, che sia evitato il rischio di nuocere agli interessi del Cliente, l’Impresa di assicurazione informa dettagliatamente il Cliente, in tempo utile prima della conclusione di un contratto di assicurazione, riguardo la natura generale e/o delle fonti di tali conflitti di interesse e delle misure a presidio.

Tali informazioni – che devono essere fornite preventivamente su un supporto durevole – sono sufficientemente dettagliate, in considerazione delle caratteristiche dei Clienti, per consentire a questi ultimi di prendere una decisione informata sulle attività di distribuzione assicurativa nel cui contesto sorge il conflitto di interesse.

Per mettere in atto disposizioni organizzative e amministrative efficaci, la Compagnia deve:

  • individuare le circostanze che generano o potrebbero generare un conflitto di interesse che possa ledere gli interessi di uno o più clienti;
  • definire le procedure da seguire e le misure da adottare per monitorare e gestire tali conflitti;
  • informare dettagliatamente il Cliente della natura generale e/o delle fonti di tali conflitti, qualora i presidi predisposti per la gestione delle fattispecie di conflitto individuate non siano sufficienti ad assicurare con ragionevole certezza che il rischio di nuocere agli interessi dei clienti sia evitato;
  • predisporre e aggiornare periodicamente un registro nel quale si riportino le casistiche che nella ideazione, realizzazione o distribuzione dei prodotti facciano sorgere un conflitto di interesse che rischia di ledere gli interessi di uno o più clienti.

Nell’ordinamento giuridico italiano la disciplina comunitaria sui conflitti di interesse trova attuazione nell’art. 119-bis del Decreto Legislativo n. 209/2005 (di seguito “C.A.P.”) e nel Regolamento IVASS n. 41/2018 recante disposizioni in materia di informativa, pubblicità e realizzazione dei prodotti assicurativi.

Il presente documento si propone, più in particolare, nell’ottica sopra indicata, di illustrare le tipologie di conflitti di interesse connesse alle attività dell’Impresa, nonché le misure adottate al fine di prevenire i conflitti di interesse e di gestire quelle fattispecie suscettibili di arrecare pregiudizio ai Clienti.

Leggi il documento completo:

Linee guida conflitti di interesse CNP Partners
Hai bisogno di aiuto?